Il blog del pioniere del microbiota intestinale

Vivomixx®, una miscela probiotica ancora di attualità

Interesse confermato per la miscela probiotica con 8 ceppi/450 miliardi di batteri per la cura della colite ulcerosa e le sue complicanze infettive

I dati aggiornati durante il quarto triennio del corso Yale/Harvard, sull’uso dei probiotici, tenutosi a New Haven (USA) nel marzo 2015, confermano l’efficacia di questa miscela probiotica.

« … questo mix di otto ceppi probiotici, recentemente disponibile in Francia sotto il marchio Vivomixx®, è di grande interesse per la gestione della colite ulcerosa e del decorso post-chirurgico della pouchite. »

Pr De Simone, Chi sono

Il JFHOD 2016 è l’occasione giusta per ottenere un aggiornamento sugli studi e avere raccomandazioni su questa miscela probiotica che ho inventato molti anni fa, e che è è stato oggetto di 170 pubblicazioni scientifiche. Ancora oggi è citata come utile integrazione nella gestione della colite ulcerosa e delle relative complicanze infettive.

Dall’inizio del 2000, numerose pubblicazioni scientifiche hanno documentato la sua efficacia, derivante da studi clinici in doppio cieco contro placebo. Questo prodotto migliora in modo significativo l’efficacia dei trattamenti standard per la colite ulcerosa quando viene usato in associazione ad un anti-infiammatorio o ad un trattamento immunosoppressivo. È stata dimostrata la sua efficacia anche da solo per bloccare l’insorgere della malattia (1) e prevenire le recidive (2). Purtroppo, nel corso della malattia, un’alta percentuale di pazienti che soffrono dall’UC deve sottoporsi a proctocolectomia con l’inserimento di un serbatoio di sostituzione: un’anastomosi ileo-pouch anale (IPAA). Purtroppo, la pouchite è una complicanza seria la cui frequenza aumenta con il passare del tempo dall’intervento, interessando circa il 50% dei pazienti a 10 anni dopo l’intervento chirurgico. Certo, alcuni trattamenti antibiotici possono trattare la pouchite, ma molto spesso questa patologia diventa cronica e ricorrente.

La mia miscela probiotica si è rivelata utile sia nella prevenzione primaria della pouchite che nella prevenzione secondaria. È notevolmente efficace nel prevenire l’insorgenza della malattia (3) e nel prevenire la recidiva (4,5). Il prodotto agisce aumentando la concentrazione di batteri benefici (lattobacilli, bifidobatteri, S. thermophilus) (4), confermata dall’analisi genomica che ha mostrato anche una riduzione della flora fungina deleteria (6). Nella mucosa della pouch dei pazienti che prendono questa miscela probiotica, c’è inoltre un aumento dei mediatori protettivi quale interleuchina10, così come una diminuzione nel livello delle citochine pro-infiammatorie e dell’attività di varie metalloproteine come quella di NO-sintasi che promuove la vasodilatazione locale (7).

Il corpus scientifico che riporta l’importanza del mio prodotto per la gestione delle complicazioni infettive della colite ulcerosa è cresciuto nel tempo e il suo meccanismo d’azione è meglio compreso. Il suo interesse per la prevenzione della pouchite e il mantenimento della remissione è stato confermato nei bambini (8). Negli adulti, ha permesso a più di 2/3 dei pazienti (16 su 23) con la sola supplementazione probiotica ma ad una dose molto alta (3.600 miliardi di batteri al giorno per 4 settimane) di entrare in remissione dalla pouchite (9).

Questi dati iniziali hanno permesso alla comunità scientifica internazionale di riconoscere l’importanza terapeutica della mia miscela probiotica (10, 11, 12, 13, 14). Di conseguenza, negli U.S.A.  e nel Regno Unito, le linee guida mediche includono questa miscela specifica per la prevenzione della pouchite o come mantenimento per la pouchite cronica.

Questo probiotico ha anche dimostrato una efficacia reale nel trattamento di altri disturbi del tratto digestivo, in particolare nella sindrome dell’intestino irritabile (15, 16, 17). Sono stati pubblicati altri dati per la gestione di malattie epatiche come la steatosi epatica non alcolica (18) e l’encefalopatia epatica (19, 20, 21, 22, 23). Infine, potrebbe contribuire, come alcuni farmaci antinfiammatori non-steroidei, alla prevenzione delle complicazioni carcinologiche della pouchite che seguono il trattamento chirurgico della poliposi adenomatosa familiare (24).

Sono stati pubblicati anche dati più recenti riguardanti il suo meccanismo d’azione. Un approccio proteomico ha rivelato cambiamenti simili, dopo la somministrazione di probiotici e dopo la terapia antibiotica, del profilo proteico espresso nel muco dei pazienti affetti da pouchite (25).

Il miglioramento nell’indice di PDAI (“indice di attività di malattia della pouchite”) è correlato con l’aumento nella percentuale dei linfociti regolatori di CD25 e di CD4, accompagnato da una riduzione significativa nell’espressione del mRNA di interleukin-1 e da un aumento di quella di FOXP3 (26).

Tutti questi dati clinici umani e esperimenti animali confermano il’importanza terapeutica di questa miscela di otto ceppi probiotici, recentemente disponibili in Francia sotto il nome di Vivomixx® in particolare come supplementazione per i pazienti con Colite Ulcerosa e pouchite. (29)

Di conseguenza, di fronte a tali patologie, l’uso di una miscela di probiotici come Vivomixx® rimane una valida opzione oggi (30) ed è ancora parte delle raccomandazioni aggiornate alla 4° conferenza triennale di Consensus sull’uso di probiotici, tenutosi a New Haven  (USA) nel marzo 2015.

La miscela probiotica inventata dal Prof. Claudio De Simone è attualmente disponibile in Nord America sotto il marchio Visbiome® e sotto il marchio Vivomixx® in Francia e in Europa.

2018-01-23T14:53:03+00:00

Lascia un commento