Interessante uno studio presentato come abstract al meeting annuale EASD (European Association for the Study of Diabetes) dal gruppo cecoslovacco coordinato da Kahleova in cui una dieta vegana a basso contenuto di grassi ha indotto cambiamenti nel microbiota intestinale. Questi cambiamenti sono risultati correlati ai cambiamenti della composizione corporea e alla sensibilità all’insulina e si traducono nella perdita di peso, secondo i risultati dello studio randomizzato controllato su 148 adulti in sovrappeso e obesi.

Nel corso dell’intervento di 16 settimane, il peso corporeo si è significativamente ridotto nei soggetti a dieta vegana rispetto a quelli che sono rimasti nella loro dieta abituale (non veg), con una perdita di quasi 6 kg, che è stata in gran parte dovuta un calo della massa grassa (–3,9 kg). Anche il grasso viscerale è stato significativamente ridotto con il piano alimentare vegano.

È importante sottolineare che non è stata imposta nessuna restrizione calorica in nessuna dieta, per cui i risultati suggeriscono che sono i cambiamenti nel microbioma intestinale a produrre gli effetti benefici: tutta la famiglia dei Bacteroidetes era aumentata nei pazienti a dieta vegana.1

Una specie in particolare, il Faecalibacterium prausnitzii, è stata rilevata in abbondanza nel gruppo vegano ed è stata associata ad un effetto terapeutico del + 4,8%, ipotesi suggerita dal fatto che il questo microrganismo produce acidi grassi a catena corta e questi hanno molti benefici metabolici tra cui la prevenzione delle malattie cardiovascolari, effetti insulino-sensibilizzanti ed effetti positivi sul sistema immunitario.

Pr De Simone, Chi Sono

  1. H Kahleova et al., EASD 2019 Annual Meeting, September 19, 2019. Abstract 700.

Condividi questo articolo!

Tenersi in contatto, Iscriviti

Probiotixx

La Lettera dei Probiotici

Probiotixx

La Lettera dei Probiotici

Niente spamming, niente pubblicità. Scienza.

Iscriviti al blog di Pr De Simone. Ricevi le sue ultime analisi sul campo in continua evoluzione dei probiotici e il loro coinvolgimento nelle terapie all'avanguardia.