Il blog del pioniere del microbiota intestinale

IBD un batterio non proprio innocente

Le malattie croniche dell’intestino (IBD) colpiscono 200.000 persone in Francia e queste patologie rimangono incurabili nonostante alcuni progressi terapeutici nel trattamento dei sintomi della malattia di Crohn o della colite ulcerosa.

Anni di ricerca hanno identificato i fattori correlati a queste malattie. È chiaro che l’IBD è legata alla disfunzione immunitaria, che sono coinvolti 160 geni, che il ruolo del microbiota è centrale e che l’ambiente conta, la prevalenza di queste malattie è significativamente più alta nei paesi con stili di vita occidentali. Un’abbondanza di cause che alimenta una moltitudine di presupposti e rende difficile comprendere i meccanismi alla base dello sviluppo di queste malattie.

L’ultimo tassello di questo complesso puzzle, la recente scoperta di un team di ricercatori giapponesi sul ruolo di un batterio orale nel processo infiammatorio dell’intestino. Eseguito su un modello animale, questo studio dimostra come Klebsiella spp abbia la capacità di colonizzare la flora intestinale quando quest’ultima è disbiotica. Una volta colonizzato l’intestino, questo batterio è un potente induttore dei linfociti Th1 che causa grave infiammazione.
Questa scoperta suggerisce che la cavità orale può essere il serbatoio di organismi patobiotici che possono favorire le malattie dell’intestino.1

1. Ectopic colonization of oral bacteria in the intestine drives TH1 cell induction and inflammation – October 20, 2017 – http://science.sciencemag.org/

“Uno studio che dimostra il coinvolgimento dei batteri orali nel processo di sviluppo di IBD e chissà, apre forse una porta a nuovi campi terapeutici nel trattamento di queste malattie.”

Pr De Simone, Chi sono

Lascia un commento