Studi preclinici e trial clinici hanno dimostrato il legame tra un microbiota intestinale alterato e la malattia di Alzheimer (AD). Tuttavia, c’è ancora molto dibattito su come i processi metabolici siano coinvolti nelle varie fasi della malattia. Evidenze scientifiche indicano che i disturbi neurodegenerativi sono spesso associati a disfunzioni metaboliche, come la perturbazione dell’omeostasi lipidica, che possono aggravare la sintomatologia neurologica e contribuire alla progressione della malattia di Alzheimer. Tuttavia, il meccanismo che mette in relazione un metabolismo lipidico anomalo con l’aggregazione e la clearance della beta-amiloide non è ancora del tutto chiaro.

Diversi studi descrivono gli effetti positivi dei probiotici sulla colesterolemia sia negli animali che nell’uomo. Bonfili e colleghi hanno esplorato gli effetti della formulazione Slab51 sul metabolismo dei lipidi in topi 3xTg-AD, un modello murino della malattia(1). Gli stessi autori avevano dimostrato che l’integrazione a lungo termine con Slab51 influenza positivamente il metabolismo del glucosio, lo stato infiammatorio e ossidativo, e recupera parzialmente la proteolisi neuronale alterata migliorando le capacità cognitive, con un conseguente ritardo nella progressione della patologia nel modello murino(2-4).

Nel lavoro recentemente pubblicato su Clinical Nutrition, gli stessi autori hanno valutato come la modulazione del microbiota intestinale attraverso i probiotici può influenzare la composizione lipidica in topi transgenici 3xTg-AD. I risultati di questo studio hanno mostrato che Slab51 inibisce la lipogenesi epatica e la biosintesi del colesterolo e migliora qualitativamente la composizione lipidica plasmatica, riducendo il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo HDL e quello LDL/HDL. Gli autori hanno anche evidenziato un aumento plasmatico dell’acido arachidonico che rappresenta un metabolita chiave nelle interazioni tra i cambiamenti del profilo lipidico indotti dai probiotici, la sensibilità all’insulina e l’infiammazione. La somministrazione di Slab51 ha anche migliorato il rapporto omega6/omega3 che generalmente risulta alterato in corso di malattie associate all’infiammazione, come diabete, obesità, disturbi mentali, malattie cardiovascolari e autoimmuni.

Questi dati illustrano alcuni meccanismi attualmente poco chiari attraverso i quali il microbiota può influenzare caratteristiche specifiche della malattia di Alzheimer, e suggeriscono che la modulazione del microbiota intestinale con il probiotico Slab51 può influenzare positivamente lo stato ossidativo e infiammatorio del cervello regolando il profilo lipidico plasmatico, la biosintesi del colesterolo e la sintesi degli acidi biliari.

Pr De Simone, Chi Sono

  1. Bonfili L, Cuccioloni M, Gong C, Cecarini V, Spina M, Zheng Y, Angeletti M, Eleuteri AM: Gut microbiota modulation in Alzheimer’s disease: focus on lipid metabolism. Clinical Nutrition 41(2022) 698-708. doi: https://doi.org/10.1016/j.clnu.2022.01.025
  2. Bonfili L, Cecarini V, Berardi S, Scarpona S, Suchodolski JS, Nasuti C, Fiorini D, Boarelli MC, Rossi G, Eleuteri AM: Microbiota modulation counteracts Alzheimer’s disease progression influencing neuronal proteolysis and gut hormones plasma levels. Sci Rep 2017, 7:2426. doi: https://doi.org/10.1038/s41598-017-02587-2
  3. Bonfili L, Cecarini V, Cuccioloni M, Angeletti M, Berardi S, Scarpona S, Rossi G, Eleuteri AM: Slab51 probiotic formulation activates sirt1 pathway promoting antioxidant and neuroprotective effects in an ad mouse model. Mol Neurobiol 2018, 55:7987-8000. doi: https://doi.org/10.1007/s12035-018-0973-4
  4. Bonfili L, Cecarini V, Gogoi O, Berardi S, Scarpona S, Angeletti M, Rossi G, Eleuteri AM: Gut microbiota manipulation through probiotics oral administration restores glucose homeostasis in a mouse model of Alzheimer’s disease. Neurobiol Aging 2020, 87:35-43. doi: https://doi.org/10.1016/j.neurobiolaging.2019.11.004

Condividi questo articolo!

Categories: Slab51

Tenersi in contatto, Iscriviti

Probiotixx

La Lettera dei Probiotici

Probiotixx

La Lettera dei Probiotici

Niente spamming, niente pubblicità. Scienza.

Iscriviti al blog di Pr De Simone. Ricevi le sue ultime analisi sul campo in continua evoluzione dei probiotici e il loro coinvolgimento nelle terapie all'avanguardia.